Salta al contenuto principale
TDP Originals

Julio Cruz, El Jardinero del calcio

Ripercorriamo la carriera di Julio Cruz, attaccante argentino, che ha firmato per l’Inter dopo il 5 maggio 2002 e ha vinto 4 scudetti
Image
Julio Cruz - Illustrazione Tacchetti di Provincia

Julio è per tutti semplicemente «El Jardinero», ovvero il giardiniere. E non perché in un’altra vita lo facesse di professione, no no, non c’entra nulla. Di mestiere, Julio Ricardo Cruz, ha fatto il goleador, e per diversi anni anche. Quasi cinquecento partite nel calcio e centosessanta reti di cui ottanta in Serie A con le maglie di Bologna, Inter (soprattutto!) e Lazio. Di testa, destro-sinistro, in acrobazia e su rigore: «El Jardinero» l’ha messa dentro in ogni modo nel corso della sua carriera ma era per tutti il «giardiniere» perché un giorno, quando era negli Allievi del Banfield, si è messo a giocare con un tagliaerba. Un giornalista l’ha visto lì, poi l’ha rivisto segnare un gol importante e decisivo alla Bomboniera, nel weekend, contro il Boca, e ha fatto due più due, affibbiandogli uno dei soprannomi più originali nella storia del pallone.

I migliori momenti di Julio Cruz con la maglia del Feyernoord

La sfida nerazzurra

Se dovessimo descrivervi Julio Cruz in tre momenti non avremmo dubbi su quali scegliere. Il 17 settembre 1997 ha debuttato in Champions League all’età di 22 anni con la maglia del Feyenoord, la sua prima squadra in Italia è stata il Bologna di Francesco Guidolin e Beppe Signori, all’Inter è arrivato come sostituto di un certo Hernan Crespo proprio nel momento storicamente più basso per la storia nerazzurra, ovvero dopo quel «tragico» 5 maggio. Ma Cruz ha sempre amato le sfide e all’Inter sentiva che avrebbe potuto vincere qualcosa di davvero importante, percepiva che sarebbe stato speciale e così è andata. Quattro scudetti, quattro Supercoppe e due Coppe Italia rimangono nella storia del club e nel palmares del «giardiniere» più famoso d’Argentina.

Tutti i 75 gol di Julio Cruz messi a segno con la maglia dell’Inter

Il giardino di casa

A proposito di Argentina. C’è da dire che da buon argentino, Julio, è cresciuto con la passione per il Napoli di Maradona anche se, ironia della sorte, contro una delle rivali più sentite degli azzurri – ovvero la Juventus – ci ha perso una finale di Coppa Intercontinentale nel 1996. Aveva 20-21 anni e sperava di portare una gioia al suo popolo, Buenos Aires. In nerazzurro, all’Inter, ha ritrovato tanti argentini tra cui l’allenatore – Hector Cuper – esonerato poi qualche settimana dopo, ma il compagno con cui ha legato di più è sicuramente Francesco Toldo. Mai una parola fuori posto, uomo squadra, leader. Alto, magro ma con le spalle belle large: dalla «provincia» Bologna alle grandi piazze di Milano e Roma, Julio Cruz è stato uno dei pochi calciatori che non ha mai cambiato modo di affrontare la vita e lo sport. Uomo serio, educato, rispettoso. Decisivo, in particolar modo in mezzo all’area, il giardino di casa che curava al centimetro, da buon giardiniere qual è stato.

Ti potrebbero interessare anche ...

Marco Rossi, la rivincita di un uomo qualsiasi

In un ristorante di Budapest la vita dell’allenatore piemontese cambia per sempre. Dagli esoneri in serie C alla gloria in Ungheria. Fino all’europeo, vissuto da protagonista assoluto con la nazionale magiara, nonostante un girone di mostri.
6 minuti Leggi subito

Michael Konsel, balla con la Lupa

Era il portiere perfetto per Zeman, che se lo portò con sè a Roma, in giallorosso. Fece innamorare i tifosi dell’Olimpico con le sue parate e tutte le donne per quel suo affascinante sguardo da attore. L’amore a prima vista tra Roma e Michael Konsel.
5 minuti Leggi subito

Marco Storari, XII Romano

Storari una vera e propria riserva di lusso, simbolo di affidabilità e sicurezza. Un portiere vincente, che quando veniva chiamato in causa non ha mai tradito le attese. Semplicemente il numero dodici perfetto. 
4 minuti Leggi subito