Salta al contenuto principale
TDP Originals

Fabio Pisacane, No limits!

Anche nel calcio ci sono storie che suscitano grande commozione e allo stesso tempo sono fonte di ispirazione per quei ragazzi che sognano di giocare un giorno in Serie A pur trovandosi di fronte a delle difficoltà importanti nel loro percorso. Una di queste è quella di Fabio Pisacane.
Image
Fabio Pisacane - Illustrazione di Tacchetti di Provincia

No limits! Fabio Pisacane è la dimostrazione assoluta di come stia tutto nella testa, di come la fame, la determinazione e la voglia di arrivare in alto sia fondamentale nel calcio.

Dicevano fosse troppo basso per marcare un giocatore come Andrea Caracciolo, in Serie B. E invece lo ha annullato a più riprese. Dicevano che in B avrebbe fatto benino ma che in Serie A sarebbe stato impossibile. E invece ha sommato 115 partite, segnato 3 gol e tenuto a bada giganti come Edin Dzeko. Qualcosa da aggiungere?

La commozione di Fabio Pisacane per l’esordio in A con la maglia del Cagliari

Pisacane non molla mai

Beh, sì. C’è stata anche una malattia a volergli mettere il bastone tra le ruote, quando ha scoperto di essere affetto dalla sindrome di Guillain-Barré, una rara malattia che l’ha portato prima alla paralisi e poi al coma, ancora giovanissimo. Ma Fabio ha vinto anche quella partita. La più importante di tutte, e chiudiamo questa brutta parentesi.

Via le etichette, il lavoro è tutto. Lavoro ma non solo: qualità tecniche, qualità umane, ambizione. Tanti tatuaggi ma altrettanti sorrisi. Una passione viscerale per il Boca Juniors. E’ partito dalla Serie C, Fabio, e ha sfiorato la Nazionale maggiore ai tempi di Cagliari, quando la ‘provincia’ rossoblù volava che era una favola. A quei tempi – ovvero appena due stagioni fa – Pisacane sbarrava la strada ai migliori attaccanti in circolazione: Inglese, Lozano, Mertens, Zaniolo, Belotti, Muriel. Ha vinto a Napoli da protagonista, lui, napoletano doc. E aveva 33 anni. Oggi ne ha 35 e deve recuperare da un brutto infortunio: il ginocchio gli è ceduto, durante un match con il Lecce, ultima sua squadra. Avete qualche dubbio sul suo recupero? Noi no.

Ti potrebbero interessare anche ...

Emiliano Bonazzoli, il lungo dello stretto

Il corazziere giramondo idolo di tifosi reggini e doriani capace - tra campo e panchina - di mettersi in gioco in qualsiasi categoria (calcio femminile compreso). Emiliano Bonazzoli, ariete vecchio stile, razza estinta di un rimpianto pallone amarcord.
6 minuti Leggi subito

Rey Volpato, O'Rey della provincia

Per la stampa era "il nuovo Bobo Vieri": un giovane numero 9, freddo sotto porta e letale negli ultimi 20 metri.

Dagli esordi col Padova fino al Trofeo Di Viareggio, vinto, da capocannoniere, con la Juventus. Poi, complici soprattutto gli infortuni, Rey Volpato si è spostato in provincia. Dove ha incrociato la sua strada con grandi allenatori, come Pioli, Sarri e Conte.

E dove, per tutti, è diventato "O'Rey".
11 minuti Leggi subito

Alessandria, il grigio più bello

Una di quelle favole che siamo soliti vedere in FA Cup, o in altre coppe nazionali europee. La squadra di serie C che sfiora l’impresa, andando a sfidare le superpotenze del calcio. Non siamo in Inghilterra, siamo in Piemonte, e questa è l’Alessandria della Coppa Italia 2015-2016
8 minuti Leggi subito