Salta al contenuto principale
TDP Originals

Goran Pandev, un giocatore differente

Contro ogni logica, Goran Pandev sta continuando a frantumare record. Dopo aver detto definitivamente addio alla nazionale al termine dell'Europeo, ha deciso di prolungare la propria carriera.
Image
Goran Pandev - Illustrazione di Tacchetti di Provincia

Goran Pandev è un calciatore differente perché ha qualcosa di diverso rispetto a tutti gli altri. Non è solo tecnicamente prelibato, sopraffino quando serve, dolce ma allo stesso tempo pragmatico. Ad esempio quella splendida punizione piazzata sotto il sette nel derby contro il Milan il 24 gennaio 2010.

Era l’anno del Triplete e c’era Mou in panchina. Goran ha anche altro: serio, professionale, vincente, infinito. A 37 anni – quasi 38 – ha dimostrato al mondo intero di cosa significhi dedicare una vita intera al calcio, con la testa giusta, da campione.

Pandev, Re di Macedonia

Dopo aver trascinato la sua Nazionale, la Macedonia, alla prima storica partecipazione a un Europeo, Goran ha pure segnato la rete all’esordio del torneo, nel debutto contro l’Austria. Gol storico. Il secondo più anziano nella fase finale della competizione.

All’età di 37 anni e 231 giorni non è da tutti. Anzi. Per pochi. Per uno come Pandev sicuramente. Il 21 giugno, giorno in cui Pandev ha messo un punto finale al suo percorso con la Nazionale: una passerella d’onore, tra lacrime e abbracci. E una scritta a caratteri cubitali in italiano che spunta dagli spalti:

" GRANDE PANDEV "

Grandissimo, perché a 38 anni compiuti ha deciso di non appendere gli scarpini e continuare, andare avanti, giocare, segnare. L’obiettivo è chiudere la carriera in bellezza, tra l’amore del pubblico allo stadio. E chissà, magari toccare quota 500 partite ufficiali in Serie A.

Mancino naturale, dribbling, uomo squadra, uomo spogliatoio. Pandev – in campo – è spesso al posto giusto nel momento giusto, e ha scelto di condividere la sua vita con Nadica, sua moglie, dalla quale ha avuto tre figli. Goran è uno serio ma l’altra sua grande storia d’amore, con la Lazio, è finita male.

La passerella d’onore dei suoi compagni all’ultima partita di Goran Pandev in Nazionale

Da fuori rosa al Triplete

Dopo la stagione 2008-2009 viene messo fuori rosa per colpa di un mancato rinnovo del contratto e a seguito dei rifiuti di Lotito di rescindere il contratto, il macedone minaccia anche di adire le vie legali per perseguire il suo scopo, ossia lasciare la Lazio.

Obiettivo raggiunto.

Il giocatore riesce a svincolarsi e la Lazio viene condannata a pagare un risarcimento danni di 160 000 euro, più le spese processuali. Il 4 gennaio 2010 firma un quinquennale da € 3 milioni di annui con l’Inter con cui vincerà tutto e si confermerà anche al di fuori della ‘Provincia’ alzando una Champions e non solo, in campo internazionale.

La consacrazione che meritava Goran. Un calciatore differente.

L’intervista a Goran Pandev subito dopo la vittoria della Champions League con l’Inter
Ti potrebbero interessare anche ...

Alex Pinardi, Un 10 per intenditori

Vavassori e Zeman stravedevano per Alex Pinardi. Che quando sembrava aver finito gli anni migliori ha saputo rilanciarsi a Modena, in provincia. Per sentirsi di nuovo decisivo e forte, in quella che per lui sarà sempre una seconda casa.
4 minuti Leggi subito

Matteo Brighi, l'indispensabile

405 presenze in serie A. 55esimo nella classifica all-time. Scopriamo cosa aveva di speciale il tuttocampista romagnolo Matteo Brighi, ritiratosi a 38 anni poche stagioni fa.
4 minuti Leggi subito

Jack Grealish, Remember the name

Tra i tanti talenti dell’Inghilterra di Southgate che si prepara per gli Europei, spunta quello del capitano dei Villans. Look da rockstar, talento sconfinato, leadership coraggiosa. Segniamoci il suo nome, ne sentiremo parlare.
6 minuti Leggi subito