Salta al contenuto principale
TDP Originals

Giuseppe Mascara, il 10 che nobilita la provincia

La carriera di Peppe Mascara un sogno che si avvera, partendo dal basso, lottando e migliorando anno dopo anno. La grande occasione che arriva a Napoli senza dargli il tempo di godersela fino in fondo.
Image
Giuseppe Mascara - Tacchetti di Provincia

E poi c’è chi la Provincia l’ha nobilitata, con un gesto tecnico straordinario, iconico, da grande campione. Il 1 marzo 2009 Giuseppe Mascara è il centravanti del Catania allenato da Walter Zenga. Contro, il rivale di sempre, il Palermo. Derby sentitissimo. ‘Peppe’ riceve palla nel cuore del centrocampo, e calcia. Boom. All’improvviso. Un tiro no-look che lascia di pietra tutti, anche i rivali Miccoli e Cavani. Ma soprattutto il portiere, Amelia, che si vede battuto da una posizione impossibile, da quasi 50 metri.

Il gol di Giuseppe Mascara da 50 metri nel derby Palermo-Catania

Dalla provincia alla nazionale

Mascara è questo. Estro, fantasia, improvvisazione. La stoffa del numero ’10’ al servizio della Provincia. Un numero ’10’ che ha assaggiato la polvere dei campetti di periferia e si è formato nelle serie minori. Senza paura. Dalla C alla B alla massima serie. Ragusa, Battipagliese, Avellino, Salernitana, Palermo, Perugia, Catania, Napoli. Fino alla Nazionale, anche se solo per un’amichevole contro l’Irlanda del Nord. Era talmente emozionato che, durante l’inno, non riusciva nemmeno a respirare. Peppe ha segnato 150 reti tra i professionisti e pensate che il vecchio patron del Catania, Luciano Gaucci, lo stimava talmente tanto da dargli mille euro a ogni gol segnato. Ha fatto un affare, Mascara ovviamente.

L’esordio in Nazionale di Giuseppe Mascara

La provincia al centro del villaggio

Nel suo percorso ci sono stati due picchi. Uno sportivo, l’altro più personale, a tratti stravagante. Il 27 settembre 2011 debutta in Champions League nella seconda partita della fase a gironi vinta per 2-0 in casa contro il Villarreal. Dalla massima competizione europea all’esperienza all’estero. Già perché Mascara dopo aver risolto il vincolo contrattuale con il Novara, nell’estate 2012 firma un biennale con l’Al-Nasr dove ritrova Walter Zenga, già suo tecnico ai tempi del Catania. Perché alla fine di tutto la Provincia è sempre al centro del villaggio.

Ti potrebbero interessare anche ...

Domenico Tedesco, una furia di ingegnere

Calabrese di nascita, germanico d’adozione. Dopo aver stupito con lo Schalke e aver portato al Lipsia il primo trofeo della propria giovane storia, ora a Domenico Tedesco spetta il compito più difficile: portare i talenti del Belgio a vincere un titolo dopo anni di promesse non mantenute.
8 minuti Leggi subito

Il derby intercontinentale, Galatasaray - Fenerbahçe

Non esiste al mondo rivalità come quella tra i due club più titolati di Istanbul. Una sfida che va al di là del calcio, al di là dello sport, e che coinvolge due interi frammenti di continente.
6 minuti Leggi subito

Davide Pinato, il muro di Monza

Lo hanno soprannominato “il portiere dei record”. Perché mai nessuno, in così poche partite a disposizione, è riuscito a infrangere primati come Davide Pinato. A Monza prima, a Bergamo poi.
5 minuti Leggi subito