Salta al contenuto principale
TDP Originals

Alan Shearer, Walking in a Shearer wonderland

La storia del miglior numero 9 che l’Inghilterra abbia mai visto. L’uomo della storia del Newcastle e il protagonista dell’epico titolo vinto dal Blackburn Rovers. Alan Shearer e il suo carico di gol a grappoli.
Image
Alan Shearer - Illustrazione di Tacchetti di Provincia

Pioggia, campo infangato, partita tesa. Palla gettata in area di rigore, rete che si gonfia e un tozzo ragazzo biondo che esulta alzando la mano e prendendosi l’affetto della propria gente.

Per molto tempo, a partire dai primi anni ’90, questa scena in Inghilterra è stata un classico. A Newcastle, Southampton e Blackburn in particolare, ma in realtà in tutto il Regno.

È la legge di Alan Shearer. L’attaccante che ha demonizzato le difese di tutta la Premier League.

Miglior marcatore di sempre, autore del maggior numero di triplette, unico in grado di mettere a segno 5 reti in una sola partita.

In poche parole: il suddito più prolifico che la Regina abbia mai avuto.

La miopia del Newcastle

Cresciuto in un quartiere operaio, figlio di padre omonimo che lo inizia al golf. Salvo scoprire ben presto che gli occhi del suo figliolo si illuminano solo quando lo porta al St. James’s Park a vedere il Newcastle.

Inizia allora a calciare la palla con i gialloverdi del Wallsend Boys Club, la squadra di un circolo ricreativo della città di Newcastle. Col sogno di vestire un giorno quei colori, il bianconero dei Magpies. Di diventarne l’attaccante titolare e, chi lo sa, di regalare alla sua gente il primo titolo di Campione d’Inghilterra.

Ma evidentemente la rete di osservatori dei Toons in quegli anni non deve aver brillato per efficacia. Dal momento che consentono al Southampton di portarselo via, nella propria Academy, quando Alan ha solo 15 anni.

“ Ha una forma fisica abbastanza rotonda, è dinoccolato, talvolta brutto da vedere. Non partecipa chissà quanto alla manovra, è piuttosto anarchico nei movimenti offensivi. Ma ha due qualità: ha le palle e sa fare gol. E nel calcio, a volte, basta quello”

Il manager dei Saints Chris Nicholl non ha dubbi: “Per me è sì”.

All’improvviso un cannoniere

Debutto in Premier contro il Chelsea, nel marzo 1988, da minorenne. Giusto per ambientarsi e sentire che aria tira.

Esordio da titolare ad aprile, contro l’Arsenal (mica la Puzzonese). Risultato devastante: tripletta. Jimmy Greaves impreca, vedendo il suo record di “giocatore più giovane a realizzare un hattrick” sgretolarsi.

L’Hattrick di Alan Shearer con la maglia del Southampton

Le sopracciglia degli addetti ai lavori si inarcano: sarà il caso di tenerlo d’occhio questo Alan Shearer. Perché se le premesse sono queste farà molto parlare di sé.

Kenny Dalglish, uno che di mentalità vincente se ne intende, sbaraglia la concorrenza e lo porta a Blackburn. Lo voleva lo United, ma il coach ex Liverpool è un from zero to hero, proprio come Shearer. E in Alan ha saputo toccare le corde giuste.

La prima stagione coi Rovers non sarebbe propriamente memorabile, visto che a metà si spappola il crociato e deve operarsi. Ma andate a dare un’occhiata al suo score pre-infortunio: ci leggerete la fantascientifica cifra di 16 gol in 21 partite.

Shearer: l’oro di Blackburn. La SAS

Altro che dal mattino, il buongiorno lo si vede già dalla mezzanotte. 

Recuperata la fruibilità del ginocchio, Shearer conduce il Blackburn Rovers al secondo posto nella stagione 93-94, buttandola dentro per 31 volte.

L’anno dopo accoglie al proprio fianco un altro fenomeno come Chris Sutton. La SAS (Shearer And Sutton) seminerà il panico in tutta la Premier League, e i due saranno ricercati manco fossero Robin Hood e Little John.

Il Blackburn si porta a casa un titolo memorabile. Alan lo festeggia a suo modo: se ne torna a casa per ridipingere la staccionata.

Come si può non amarlo?

Dalglish calling

Lo score di questi tre anni con il Blackburn già sarebbe più che sufficiente per strappare un contrattone in una grande d’Inghilterra o d’Europa. Se ci aggiungiamo un ultimo anno coi Rovers da 31 gol in 35 partite il suo approdo nel gotha del football pare debba avvenire per acclamazione.

Stava effettivamente per essere così. Perché a Sir Alex Ferguson i “no” non sono mai andati giù. Ci riprova a portare Shearer ad Old Trafford, e a momenti ci riesce.

Ma poi succede qualcosa.

A casa di Alan squilla il telefono. È Kenny Dalglish, proprio lui.

“Ehi Alan, sai che c’è? Ho trovato una nuova squadra da allenare. Andrò a casa tua, al Newcastle. Che ne dici di venire qui e di riprovarci? Ti andrebbe di regalare un sogno alla tua gente?”

Probabilmente Sir Kenny non deve aver nemmeno avuto il tempo di finire la frase. Se fossimo in un film la scena dopo vedrebbe la cornetta ancora penzolante, e si sentirebbe il campanello di casa Dalglish suonare.

" Eccomi qui mister, sono pronto "

Finalmente a casa

15 milioni di sterline. All’epoca, soprattutto per un club non di primissimo pelo, una follia.

Ma ci sta. Perché in quella stessa estate, nel frattempo, Shearer è andato ad un passo dal “riportare il calcio a casa”, durante l’Europeo che l’Inghilterra disputa tra le mura amiche. Maledetti tedeschi, sempre loro!

Qualcuno dei media pensa che Alan potrebbe soffrire la pressione di giocare per la sua città, nel suo stadio: lui risponde con 25 gol in 31 partite e la nomina di Calciatore dell’Anno.

Ma qualche intoppo dev’esserci. Anche l’oceano ogni tanto si scontra contro degli ostacoli, salvo poi aggirarli e continuare nel proprio incedere.

Al St. James’s Park arriva ad allenare Ruud Gullit. Fenomenale come giocatore, non altrettanto da allenatore.

Con Alan si scontra subito. Non lo comprende, non capisce che si trova di fronte ad un unicum di giocatore (come cantano i suoi tifosi: There’s only one Alan Shearer, walking along, singing a song, walking in a Shearer Wonderland). Lo vorrebbe più intenso durante gli allenamenti e più disciplinato in partita.

Lo strappo definitivo,con Alan e tutto l’ambiente, avviene quando lo esclude dal sentitissimo derby contro il Sunderland. Newcastle sconfitto e Gullit immediatamente esonerato.

Con l’approdo di quel geniaccio di Bobby Robson l’epopea Shearer ricomincia. Un monopolio, dominio totale.

In bianconero finirà la propria carriera, nel 2006. Quando in fondo al sacco avrà spedito 260 gol in 440 partite, alzando la mano per esultare 206 volte solo con la maglia del suo Newcastle.

Mai nessuno come lui.

Anche in un calcio cambiato, come quello attuale, pare utopico pensare di avvicinarsi a cifre del genere.

L’idea che ci si è fatti è proprio questa: che per vedere un altro 9 inglese con il suo fiuto del gol, la sua abilità nel gioco aereo e, soprattutto, la sua leadership, tocca inesorabilmente mettersi comodi.

I più bei gol di Alan Shearer
Ti potrebbero interessare anche ...

Massimo Maccarone, molto più di un hamburger

Lo ricordiamo per il sorso di birra “rubato” a un tifoso empolese nel 2015, oltre che per le tantissime presenze in Serie A e le centinaia di gol segnati tra Empoli e Siena nel nostro massimo campionato. Eppure, pochi sanno che Big Mac è stato, per breve tempo, anche un piccolo eroe d’Oltremanica.
10 minuti Leggi subito

Domenico Morfeo, tre/quarti di classe

Morfeo era un vero e proprio numero 10 con una tecnica e una classe fuori dal comune, etichettato come talento sprecato. Tante le occasioni avute nella sua carriera senza rispettare le attese, ma altrettante gioie regalate all’Atalanta e, soprattutto, al Parma. In una piazza storica dal palato calcistico decisamente fine, Morfeo visse gli anni migliori della sua carriera. E che intesa con Gilardino …
7 minuti Leggi subito

Julio Gonzalez, io l'ho visto!

Lettera dedicata al Gioco del Calcio e a tutti coloro che non hanno fatto in tempo ad apprezzare Julio Valentin Gonzalez. La bravura del giocatore, l’immensità dell’uomo. Un esempio, ancora oggi.
5 minuti Leggi subito